L’ORIENTE DI ALBERTO PASINI

L’ORIENTE DI ALBERTO PASINI

Catalogo-monografia della mostra di Alberto Pasini orientalista alla Fondazione Accorsi-Ometto di Torino

a cura di Giuseppe Luigi Marini

128 pp., 69 ill. col., 4 ill. b/n, brossura, 168 x 240 mm

ISBN 978-88-89082-52-2

esaurito

Data di pubblicazione: febbraio 2014

Il catalogo, che documenta la mostra aperta da febbraio a giugno 2014, illustra gli oltre sessanta dipinti esposti del pittore emiliano che, dopo Parigi, elesse Torino dal 1870 a propria residenza preferenziale, e definitiva nell’ultimo decennio del secolo. Si tratta, dopo la retrospettiva del 1909 alla Biennale di Venezia e la monografica del 1996 di Parma, della terza più ampia rassegna mai dedicata a Pasini dopo la sua morte.

Mostra e catalogo si soffermano sul versante orientalista, cioè quello più frequentato (viaggi e soggiorni in Persia, in Egitto, Libano e Siria, ripetutamente a Costantinopoli e in Asia minore) e baricentrico della più ricca, nota e celebrata vena del pittore, con i conseguenti corollari delle divagazioni veneziane e andaluse (specie dell’Alhambra di Granada), legate a una consonante ispirazione.

Un testo critico sull’artista e un’ampia e dettagliata cronaca biografica del curatore fanno di questo volume una completa monografia sul pittore, le cui opere figurano in una quarantina di musei sparsi in tutti e cinque i continenti.

Giuseppe Luigi Marini è autore di una ottantina di volumi sulla pittura italiana del XIX secolo e ha curato importanti monografie ed esposizioni sui pittori pedemontani, da Grosso a Maggi, da Pellizza da Volpedo a Fontanesi, da Olivero a Tavernier, da Quadrone (di cui ha curato il Catalogo dell’opera) a Delleani ad Avondo. Per oltre quarant’anni ha pubblicato, prima con Giulio Bolaffi Editore, poi con Giorgio Mondadori e infine con Allemandi & C., il Catalogo dei Dipinti italiani dell’Ottocento e del primo Novecento, sul valore di mercato degli autori del XIX secolo. Ha curato per la casa editrice AdArte il Dizionario dei Pittori Piemontesi dell’Ottocento (2013).

Stampa