IL MESSAGGIO DALLA CAMERA OSCURA

IL MESSAGGIO DALLA CAMERA OSCURA

di Carlo Mollino

448 pp., 12 tavv. col., 323 ill. b/n, cartonato, 240 x 343 mm

ISBN 978-88-89082-02-7

esaurito

Anno di edizione: 2006

Il «Musée imaginaire» della fotografia di Carlo Mollino

Per celebrare il centenario della nascita di Carlo Mollino (al quale nel 2006 sono state dedicate quattro importanti mostre a Torino e Roma), una delle personalità più geniali e singolari e uno degli artisti più completi del XX secolo, la casa editrice AdArte presenta la riedizione di un libro di grandissimo interesse per gli appassionati di fotografia, Il messaggio dalla camera oscura, edito nel 1949 e ormai introvabile, l'unico, e assai colto, testo in cui Mollino esprime le sue posizioni sulla fotografia: attraverso 323 opere di 132 fotografi (da Avedon, Brassaï e Blumenfeld a Moholy-Nagy, lo stesso Mollino, Eugene Smith, Stieglitz e Steichen) e di 9 grandi pittori (da Ingres a Picasso), l'autore traccia una storia della fotografia e dell'evoluzione del gusto nel tempo, evidenziando con specifici capitoli il lavoro di alcuni fotografi (Nadar e Hill, Atget, Alvarez Bravo e Man Ray) e realizzando così un suo personale «Musée imaginaire» della fotografia.

Altrettante pagine Mollino dedica alla spiegazione del «messaggio» d'arte che il fotografo offre al suo pubblico con la realizzazione della copia fotografica che nella «camera oscura» viene stampata, ritoccata, ritagliata, portata con ogni mezzo – per l'autore tutti legittimi – a coincidere con il preciso desiderio espressivo dell'artista. Per sublimare l'immagine e farne un proprio messaggio è necessario, secondo Mollino, saper distinguere tra «bello» e arte, essere autori di «trasfigurazioni soggettive», conoscere e dominare la tecnica fotografica a cui egli introduce con una decina di capitoli del suo libro.

Si tratta, oltre che del più importante contributo della prima metà del Novecento all'accettazione della fotografia tra le arti «maggiori» (riconoscimento tutt'altro che scontato in un'epoca in cui la fotografia era considerata opera meccanica e illimitatamente riproducibile), di un testo fondamentale per la storia della fotografia in generale e in particolare per la comprensione del percorso di Mollino.

Il libro viene ora riproposto nell'edizione di pregio, disegnata dallo stesso Mollino, che conta 448 pagine, realizzata in elegante veste grafica ed in grande formato (con le tavole a colori applicate a mano su cartoncini). È disponibile anche un'edizione in lingua inglese, ed è la prima volta che il testo di Mollino viene tradotto.

Stampa